Sicilia, dall’olio dei fichidindia un aiuto per la salute del cuore

I prodotti della natura stupiscono sempre. Dopo la ‘scoperta’ della Mela Annurca – varietà campana che si fregia del riconoscimento Igp – il cui alto contenuto in polifenoli è in grado di contrastare la caduta dei capelli, ora è la volta dei fichidindia.

La notizia, ripresa dal quotidiano La Sicilia, arriva da un gruppo di ricercatori composto da chimici ed agronomi del Cnr e delle Università di Catania e Palermo: l’olio ricavato dai semi di questo ‘spinosissimo’ frutto possiede proprietà nutraceutiche e farmaceutiche di gran lunga superiori agli oli ricavati dai frutti coltivati in altre realtà territoriali del Mediterraneo.

Tutti i dettagli dello studio appena concluso sono stati pubblicati sulle colonne dell’autorevole European Journal of Lipid Science and Techonology dietro l’imput del costituendo Distretto produttivo del Ficondindia di Sicilia.

L’olio ottenuto dalla lavorazione dei semi della pianta presenta una ‘formidabile’ concentrazione di acidi grassi insaturi, associabili a diversi benefici per la salute dell’uomo e più in particolare per la funzione cardiovascolare.

Già utilizzato in campo cosmetico, l’olio di ficodindia è ricco di Omega 3 e vitamina E e può essere impiegato anche quale additivo alimentare, nonché costituire ingrediente per capsule, polveri e sciroppi.

(mar.val.)

Fonte: La Sicilia – www.lasicilia.it